Migliore Moka elettrica

Godersi una tazza di caffè è un piacere quotidiano irrinunciabile per molte persone.
Mentre alcuni amano gustarsi un caffè espresso al bar, altri preferiscono farlo a casa propria con una moka elettrica.
Questioni di gusti, ovviamente.

In questo confronto abbiamo selezionato e analizzato alcune delle migliori Moka elettriche sul mercato.

Una Moka elettrica, è un dispositivo che unisce tradizione e modernità nella preparazione di un buon caffè italiano.
Non avrai lo stesso tipo di caffè fatto al bar o con una macchina per caffè espresso.

Tuttavia la qualità di un caffè fatto con una moka elettrica regala un piacevole aroma e un gusto soddisfacente.

Abbiamo provato il meglio delle moka elettriche e valutato le caratteristiche che le distinguono.
Quindi non dilunghiamoci ulteriormente e vediamo subito quali sono secondo noi le migliori caffettiere elettriche.

Moka elettrica Alicia De Longhi

moka elettrica de longhiE’ la moka elettrica con il miglior rapporto qualità/prezzo.
Se hai già considerato altri modelli, ma ti sembrano troppo costosi o vuoi qualcosa di più semplice, dovresti valutare questa alternativa.
Stiamo parlando della moka elettrica de’ Longhi Alicia.

Un modello molto apprezzato, da chi ha un budget più contenuto.

Puoi preparare fino a 4 tazze di caffè o tè.
Ha un sistema di spegnimento automatico e come gli altri funziona anche con corrente.
Gli utenti apprezzano la moka elettrica de’Longhi con valutazioni vicine all’eccellenza.
Se vuoi saperne di più, clicca sul collegamento qui sotto.

Moka elettrica Bialetti

moka elettrica bialetti

Un altro dei marchi più conosciuti. Questa volta una caffettiera elettrica dal design forte e accattivante.
Con essa puoi preparare fino a sei tazzine di caffè e devi solo aggiungere acqua calda per un americano.
Il corpo è in alluminio, che si traduce in resistenza e durabilità.

La base è removibile e dispone della funzione di spegnimento automatico.
È una caffettiera che ci è piaciuta per la qualità, il comfort e la mobilità che offre.

Ariete 1358 Moka Aroma

moka elettrica Ariete
Compatta e dal design moderno la moka elettrica Ariete ha una capacità di 2/4 tazzine di caffè. Disponibile nei colori nero e bianco , dispone della funzione di mantenimento del calore per 30 minuti. Caldaia in alluminio e contenitore in plastica. Alcuni utenti lamentano una scarsa qualità della guarnizione e residui di caffè sul fondo del contenitore.
Nel complesso la moka elettrica Ariete è uno dei modelli più venduti su Amazon, riscuotendo apprezzamenti positivi sia sulla qualità del caffè che del funzionamento della macchina.

Zephir ZHM400 Caffettiera Elettrica

moka elettrica Zephir
La moka elettrica Zephir in alluminio e plastica è dotata di funzione di spegnimento e timer di programmazione.
Per chi ha sempre poco tempo e desidera avere un buon caffè al risveglio, il timer consente la programmazione dell’attività della moka nell’arco delle 24 ore.

Potenza di 480W può fare da 3 a 6 tazzine di caffè. Alcune recensioni di utenti segnalano residui di caffè sul fondo del contenitore della moka. Inoltre si preferirebbe lo stesso non in plastica , ma in vetro o altro materiale più resistente.
Nel complesso una moka elettrica con un buon rapporto qualità/prezzo e recensioni di clienti nella maggioranza soddisfatti.

Guida all’acquisto di una moka elettrica

Se hai dei dubbi su quale sia la migliore moka elettrica e quale dovresti comprare, abbiamo esteso la guida per coprire quegli interrogativi che potresti ancora avere.

Cos’è una moka elettrica?

Una moka elettrica è un dispositivo moderno che mette d’accordo tradizione e tecnologia.

È un dispositivo per la produzione di caffè che utilizza la pressione del vapore e una fonte di calore esterna ma incorporata (la base). Questo crea un caffè forte e concentrato (di solito in un rapporto di 1: 7 caffè-acqua).

Sono realizzate generalmente in alluminio e costituiti da tre elementi: la caldaia, il filtro e la camera del collettore.

La caffettiera elettrica italiana offre un modo per rendere il caffè accessibile a tutti coloro che non vogliono complicazioni. Puoi trovare molte varietà di taglie, marchi e componenti materiali oltre che disegni, ma il più popolare è il Bialetti che abbiamo visto come secondo modello nella nostra lista.

Acciaio o alluminio?

Quando si tratta di fare il caffè, ogni tipo di Moka eletrica può fare buon caffè, ma è nel materiale con cui sono costruite è a far la differenza.
Un moka con il corpo alluminio è più tradizionale, funziona perfettamente ma è un po ‘più difficile da pulire.
Inoltre, se il paino cottura è di tipo induttivo, non funzionerà. Nel caso delle Moka elettriche non c’è questo problema, perché come avete visto con la moka Bialett in alluminio, avendo la base con il riscaldatore elettrico incorporato.

Passando a quelle in acciaio, possiamo dire che si tratta di una versione moderna, ma con l’eleganza di un design tradizionale.
È molto semplice da pulire, e funziona sia ad induzione che sui tradizionali piani cottura a gas.
Tuttavia, con una caffettiera elettrica quest’ultima caratteristica è irrilevante.

Come fare il caffè con una Moka elettrica?

Come accennato in precedenza, le caffettiere elettriche italiane sono dispositivi veramente facili da usare e non richiedono particolari abilità.

Tuttavia vogliamo indicarti alcuni consigli di base, per utilizzare correttamente una moka elettrica.

Il filtro dove metti il ​​caffè, deve essere completamente riempito.

Per quanto riguarda invece la caldaia (parte inferiore che sta a contatto con la fonte di calore), ricorda che l’acqua non deve oltrepassare la valvola di sicurezza.
Alcuni modelli hanno una piccola linea che indica il livello, in altre c’è questa piccola valvola di ferro che indica di fatto il limite massimo di riempimento.

Dunque ricorda di non riempire la caldaia oltre la valvola. La funzione di questa è di controllare la pressione del vapore. Se lo copri, non funzionerà nel modo corretto.

A questo punto l’unica cosa di cui devi preoccuparti qui è il controllo della temperatura e della miscela di caffè.
Se hai bisogno di macinarlo puoi sempre comprare un macina caffè elettrico.
In questo senso, molti dei tutorial che abbiamo visto suggeriscono una “macinatura del tipo di caffè espresso”, ma ho scoperto che nella moka elettrica mi piace di più quando uso una miscela di caffè macinato finemente.
Trovo che il risultato sia meno acido, ma sarà divertente provarlo.

La prima volta che utilizzi una moka elettrica, dovrai dire prestare attenzione a quanto caffè macinato verrà messo nel filtro.
Personalmente raccomando di riempirlo in modo naturale, senza premere con il cucchiaio o con qualsiasi altro strumento.
Se lo fai è probabile che il risultato sia un caffè con un leggero gusto di bruciato …

Facciamo un caffè

Dopo aver regolato la quantità di caffè nel filtro, è arrivato il momento di riempire la caldaia (base) con acqua fino a raggiungere la linea o la valvola.  A questo riguardo si discute molto se si debba usare acqua bollita o fredda.

Personalmente mi sento di consigliare l’utilizzo di acqua già calda. Tuttavia mai l’acqua calda del rubinetto perché sarà diversa dall’acqua fredda. Se desideri iniziare con l’acqua calda, è ora di iniziare a usare il tuo bollitore elettrico.

Metti il ​​cestino nella base con acqua e metti il ​​caffè. Non dovrebbe esserci acqua che fuoriesce dal cestello della caffettiera elettrica. Se c’è, vuol dire che c’è troppo, ricorda la linea e la valvola … Allo stesso modo, se vedi che hai il caffè ai lati, assicurati di estrarlo e non premerlo. È essenziale che sia ben sigillato e che nulla risalti ovunque.

Ora puoi avvitare la parte superiore alla base e accertarti che sia ben pressata. Soprattutto, ricorda che se hai usato l’acqua calda per la base probabilmente dovrai usare un asciugamano per avvitarlo, altrimenti ti bruceresti.

Accendi la base elettrica

Abbiamo raggiunto il punto che differenzia una moka tradizionale da una elettrica. Finora il metodo per fare il caffè è stato lo stesso. Ma quando si tratta di accendere e dare il calore per iniziare a fare il caffè, le cose cambiano un po ‘.

Con la base della caffettiera ti assicuri che non ci siano fiamme all’esterno (che potrebbero bruciare il caffè). Oltre a questo, è fatto con un fuoco lento che è necessario, poiché nel gas, che passi un po ‘, non otterrai lo stesso buon gusto.

Ci vorranno alcuni minuti perché l’acqua nella caldaia inizi a scaldarsi, ma devi solo essere paziente.
Lascia il coperchio in posizione aperta per vedere quando il caffè inizia a salire attraverso la piccola bacchetta di metallo.

La fase finale

Una volta che il caffè inizia a scendere all’interno della moka elettrica, riduci ulteriormente il punto di fuoco della base se hai questa opzione, mantenendo aperto il coperchio per vedere scendere il caffè e spengnere successivamente la caffettiera. Alcune si spengono da sole. In questo modo puoi lasciare il coperchio chiuso in modo che il caffè rimanga caldo più a lungo continuando ad uscire ugualmente per un po ‘.

Caffettiera elettrica italiana Tutto questo diciamo perché vogliamo che il caffè esca poco a poco, non in modo violento. Dal momento in cui il caffè inizia a uscire, dovrebbero essere necessari alcuni minuti per completare il ciclo.

Che il caffè esca può consumare un po ‘della tua pazienza, anche se acquisti una delle macchine da caffè elettriche italiane come quelle buone che ti abbiamo collegato prima, devi aspettare. In genere quello che faccio è chiudere la fonte di calore dopo che sono passati 30 secondi da quando il caffè ha iniziato a uscire.

Una volta che la maggior parte dell’acqua è passata dalla caldaia verso l’alto, ci sarà vapore soprattutto nella parte inferiore. Bisogna cercare di evitare che questo vapore caldo attraversi i fondi di caffè della caffettiera, perché può renderli amari così come il gusto bruciato.

Il caffè della caffettiera elettrica italiana dovrebbe essere rimosso non appena finito. Dico questo perché il caffè può assumere un sapore non molto gradevole se si lascia bollire nell’alluminio caldo. È più importante togliere il caffè dalla fonte di calore prima che arrivi il vapore dove è già stato preparato il caffè. Ricorda che troverai sempre dell’acqua nella base quando pulisci la moka elettrica, è una cosa normale.

Problemi con il gusto?

  • Il caffè era troppo acido? Macinare il caffè un po ‘più sottile.
  • Il caffè era troppo amaro? Macina il caffè un po ‘di meno.
  • Il sapore del caffè è bruciato? Cerca di rimuovere la caffettiera dalla fonte di calore o di spegnerla prima.
  • Il gusto del caffè non è concentrato come vorresti? Prova a riempire un po ‘di più il cestello superiore e metti acqua calda dall’inizio sul fondo anziché fredda.

Pulizia e manutenzione

Uno degli aspetti più interessanti nell’utilizzo di una moka elettrica è la facilità di pulizia e manutenzione richiesta. Infatti non essendo a diretto contatto con la fiamma, come nel caso di una moka tradizionale, difficilmente il corpo della caffettiera si brucerà. Logicamente devi lasciare raffreddare la caffettiera elettrica prima di poterla pulire.
Una volta fredda procedi svitando la caldaia. Rimuovere il filtro e gettare il caffè macinato nel contenitore organico.

Sebbene possa sembrare più veloce e comodo, non percutere il filtro contro il cestino per far cadere il caffè.
Alla lunga potrebbe danneggiarsi. Ciò che non è caduto naturalmente dovrebbe essere tolto con acqua e asciugato.

error: Content is protected !!